Cosa vedere a Volterra: itinerario tra arte e sapori


 

Se vuoi passare un weekend diverso dal solito, forse ti starai chiedendo cosa vedere a Volterra, una delle terre più sottovalutate di tutta la Toscana. Tra tutti i borghi toscani, infatti, siamo orgogliosi di dire che qui ci sono panorami unici al mondo, e storie ancora tutte da scoprire. Volterra è una cittadina medievale che domina la Val di Cecina: la sua posizione sopraelevata regala scorci indimenticabili, specialmente al tramonto. Forse non lo sapete, ma proprio per i suoi paesaggi è stata scelta come location del best seller “Twilight - New Moon”, che proprio a Volterra immaginava la sede di un concilio di vampiri, il borgo dei volturi. Non è un caso, quindi, se tra le vie del centro troverete qualche fan con un look alla Edward Cullen o Bella Swan!

Che siate appassionate di vampiri, o meno, questa città saprà comunque regalarvi ricordi indelebili e momenti romantici. Volterra ha una conformazione geologica unica, perchè è circondata da delle formazioni geologiche, dette balze, che conferiscono al paesaggio un aspetto davvero unico. Le balze sono formazioni di ghiaia, sabbia e argilla create in migliaia di anni e intercalate da profonde incisioni dette calanchi. Ma al di là delle caratteristiche geologiche, Volterra è straordinaria anche per le sue opere d’arte. Non a caso la città e candidata a diventare Capitale italiana della cultura 2022. Speriamo vogliate visitare le nostre terre, per questo ora vi suggeriremo cosa vedere a Volterra, per un weekend che piacerà a tutti.

1) Salire sulla torre di Palazzo dei Priori, nel cuore di Volterra

Qualunque itinerario per Volterra dovrebbe partire da piazza dei Priori, cuore della cittadina medievale. Qui si trova infatti il Palazzo dei Priori (ex Palazzo del Popolo), il più vecchio palazzo comunale della Toscana. Vi ricorderà certamente il Palazzo Vecchio di Firenze, ma questo di Volterra è stato avviato nel 1208, su progetto di Ricardo da Como. Custodisce alcune opere straordinarie, come un affresco del XV secolo di Pier Francesco Fiorentino raffigurante la Crocifissione, o le Nozze di Cana di Donato Mascagni, del XVI secolo. Il biglietto d’ingresso include anche l’accesso alla Torre Campanaria, da cui ammirare un panorama indimenticabile. In questo palazzo sono state girate anche alcune scene della serie televisiva “I Medici”

2) Ammirare Palazzo Pretorio e sorseggiare vino all’ombra della Torre del Porcellino

Sempre su piazza dei Priori si affaccia anche il Palazzo Pretorio, insieme al Duomo, al Palazzo vescovile e a Palazzo Inghirami, insieme alle dimore delle più influenti famiglie cittadine. La torre di Palazzo Pretorio, detta Torre del Porcellino, è considerata una delle più antiche della città. Il suo nome è dovuto alla statua di un maialino che spunta da una sporgenza. Un attento osservatore, tuttavia, noterà che la torre ha più di un maiale. Un altro è scolpito in rilievo alla base della torre. Sebbene la torre non sia aperta al pubblico, i turisti possono degustare un bicchiere di vino e prodotti tradizionali nel ristorante che ora occupa la parte inferiore della Torre.

3) Contemplare il soffitto del Duomo di Volterra

Il Duomo di Volterra, sempre in piazza dei Priori, è una splendida cattedrale dedicata a Santa Maria Assunta. Fu costruito nel 1120, sui resti di una chiesa preesistente distrutta da un terribile terremoto. L’interno ha uno stile tardo-rinascimentale: ha un grandioso soffitto a cassettoni, decorato da motivi floreali e figure di santi. Al centro della volta è raffigurato l’Eterno Padre, frammento di un ciclo pittorico di Niccolò Circignani. Nella cappella dell’Adolorata si trovano due gruppi statuari preziosi, attribuiti ad Andrea della Robbia: il Presepio e l’Adorazione dei Magi. 

4) Scoprire la storia di Volterra al Battistero di San Giovanni

Il battistero sorge di fronte al Duomo e risale al XIII secolo. L’interno è in tipica pietra volterrana, mentre l’esterno è rivestito da marmi bianchi e verdi che incorniciano un portale in stile romanico pisano. Qui si trovano sculture di Mino da Fiesole, mentre la tavola sull’altare è opera del Pomarancio. Una curiosità, alla sinistra del portale si trova una iscrizione che commemora l’accorpamento del comune rurale di Monte Voltraio a Volterra

5) Lasciarsi sorprendere dai capolavori dell’arte al Palazzo Minucci-Solaini

Se non sapete cosa vedere a Volterra in un giorno di pioggia, potete rifugiarvi subito qui, e in ogni caso la visita è più che consigliata anche in estate. In questo palazzo di fine ‘400 ha oggi sede la Pinacoteca di Volterra, insieme all’Ecomuseo dell’Alabastro. La collezione ospita molte opere di grandissimo pregio, tra cui la celebre Deposizione della Croce di Rosso Fiorentino, l’Annunciazione di Luca Signorelli e il Cristo in Gloria di Domenico Ghirlandaio. All’ecomuseo dell’alabastro, invece, potrete ammirare opere in alabastro di Volterra, il più pregiato d’Europa. 

6) Camminare sulle orme degli Etruschi: la Porta dell’Arco

La Porta dell’Arco fa parte della cinta muraria in panchino della città, ed è traccia della presenza degli Etruschi. Fu questa popolazione a edificarla, nonostante i rimaneggiamenti prima romani e poi medievali, quando la città divenne libero comune. Si tratta dell’ingresso della città, ed è opposta alla seconda porta etrusca, ovvero Porta Diana. Sul fronte esterno è possibile ammirare tre teste scolpite, raffiguranti Giove (detto Tinia, dagli etruschi), insieme a Castore e Polluce, ovvero i due protettori della città. Una curiosità: quando gli americani arrivarono in Italia, alla fine della seconda guerra mondiale, i tedeschi provarono a distruggere la porta per ostacolare l’ingresso in città. La popolazione di Volterra li convinse a non farlo, occupandosi di costruirla entro ventiquattro ore. Oggi un bassorilievo nei pressi della porta commemora questa impresa.

7) Assaggiare le prelibatezze locali

Scommettiamo che dopo tutti questi consigli su cosa vedere a Volterra, vi sarà sopraggiunto anche un leggero languorino! Niente paura: tutti i ristoranti di Volterra, e i tanti agriturismi, sapranno deliziarvi con i prodotti tipici di questa terra. Inclusi i prodotti toscani in vendita online sul nostro sito, come il pecorino, il salame di cinta senese, il tartufo nero uncinato e la pancetta arrotolata. Ristoranti tradizionali, come il Ristorante da Beppino, sanno usare questi ingredienti con sapienza, rinnovandoli in combinazioni nuove e inaspettate, ma anche in piatti tradizionali come la zuppa alla volterrana e la trippa alla volterrana. Ogni anno a Volterra si tiene anche Volterragusto, un evento dedicato ai prodotti di Volterra e della Val di Cecina. 

8) Curiosare tra i banchi del mercato settimanale di Volterra

Il mercato di Volterra si svolge ogni sabato in Piazza Priori, ed è un’occasione unica per scoprire i colori e i profumi di un tipico mercato toscano. Tra salumi pregiati e artigianato locale, con un pizzico di fortuna si possono fare anche ottimi affari!

9) Scoprire l’ombra della sera al museo Guarnacci

Il museo Guarnacci custodisce le tracce della presenza etrusca a Volterra, ed è ritenuto uno dei più importanti musei d’arte etrusca al mondo. Qui è custodita una scultura detta “L’ombra della sera”: il nome le venne dato da Gabriele D’Annunzio, che vedeva nella sagome le stesse distorsioni delle ombre al tramonto. Gli appassionati d’arte antica hanno un'altra tappa da aggiungere nella loro lista di cosa vedere a Volterra: ovvero il Teatro Romano di Volterra.

10) Rabbrividire al Museo delle Torture

Per gli appassionati di storia, ma dallo stomaco forte, Volterra ospita anche un interessante museo della tortura, in piazza XX Settembre al civico 3. Qui potrete scoprire le tecniche e gli strumenti della tortura medievale, i macchinari utilizzati per la pena di morte e anche documenti della Santa Inquisizione particolarmente rari. 

11) Scoprire Volterra in bici, scooter o Vespa

Volete scoprire la città in modo diverso e divertente? Sono tanti gli operatori locali che propongono itinerari in bicicletta, vespa o scooter, mezzi ideali per scoprire ogni angolo del centro. Per chi invece ci tiene a una bella passeggiata, non mancano ovviamente itinerari a piedi… così avrete tutte le scuse per rifocillarvi con un bel panino toscano al prosciutto di cinta senese!

Ora sapete bene come organizzare un itinerario a Volterra: allora non aspettate, l’unica candidata Toscana a capitale italiana della cultura vi aspetta già oggi!